animazioni volo
testata
animazione bimbi
logo fivl

Gruppo di piloti praticanti il volo libero in deltaplano e parapendio
aderenti alla asd FIVL - Associazione Nazionale Italiana Volo Libero (registro CONI n. 238227)

logo fivl
sei in: Volo Libero Bergamo > archivio 2007 > cena sociale
clic su foto per ingrandire

25 dicembre 2007

Caro Babbo Natale,
ti scrivo ancora una volta, sperando che almeno quest’anno vorrai esaudire i nostri desideri, cosa mai accaduta in passato, neanche avessimo interpellato per raccomandata qualche ministero. Dopodichè dovrò rassegnarmi all’idea che tu non esisti, con rammarico devo dire, se non altro per il tempo che ho dedicatoi in tanti anni. Come leggerai, chiediamo regali alquanto modesti, poco costosi e per nulla ingombranti, visto che hai la slitta sempre stracarica. Eventualmente lascia a casa un po’ di carbone che indiscutibilmente molti di noi meriterebbero al posto dei regali.

Il nuovo Presidente del VLB, Giovanni “Dracon” vorrebbe l’ennesimo modellino del triplano del Barone Rosso. Ma con la bega che si è preso come presidente ha bisogno, invece, di un’infinita pazienza per ascoltare le menate dei soci e della necessaria fermezza perché qualcuno da mandare al diavolo c’è sempre. Scusa, ho involontariamente citato un tuo concorrente, il diavolo. Stai tranquillo! Nonostante le lusinghe e le promesse di bustarelle, il nostro presidente si è comportato da vero barone prussiano fedele al vecchio fornitore. Almeno fino a quando non riceverà proposte più allettanti.

Noemi ha finalmente trovato il Principe Azzurro, ma senza cavallo bianco. Chiede come regalo un fermacapelli per la coda di cavallo. Non per la coda bianca del cavallo bianco del principe azzurro che, oltre ad essere senza cavallo bianco, neppure di bianco ha la coda di cavallo, ma proprio per questa coda di cavallo che non è bianca e neppure azzurra, ma solo un poco grigia. Tutto chiaro?.

Se poi ti avanza un cavallo, non importa di che colore, regalalo a Matteo che in estate a fatto pratica in un allevamento equino ed ora sta imparando a fare il falegname. Pertanto un cavallo a dondolo andrà benissimo..

Mario “Collina” ha bisogno di un nuovo binocolo. Non importa di quale marca, basta che quando inquadra le maniche a vento veda la direzione reale del vento e non quella che vorrebbe che fosse..

A Monica dovresti portare un buon ricettario con piatti a base di carne, non solo quelli vegetariani. Lei non sarà certo contenta, ma sarà felicissimo Giamma che la carne la vede solo qualche volta al Ca’ Sabì. In ogni caso, anche se venissero fuori delle schifezze, le daranno a Buddy che di mangiare scatolette per animali non ne può più..

Per Giovanna ed Aronne servirebbe un kit completo per il test alcolico, almeno saprebbero quando fermarsi prima di devastare i rispettivi fegati. Lui chiede anche un ginocchio guarito, oppure, in alternativa, una gamba di legno. Basta che sia pieghevole se no non riesce a correre in decollo.

Olivo ha finito la scorta di preservativi. Vorrebbe un assortimento di ritardanti, stimolanti, normali, ecc., ma tu non portargliene manco uno così impara a fare il farfallone con le allieve in biposto

Betty "Bettina" vuole dei jeans firmati da Cavalli, maglioni di Missoni, vestiti di Armani, scarpe di Prada, occhiali di Dolce & Gabbana, borsa di Gucci, gonne di Krizia ed un’agenda per segnare tutte le grif che indossa se no va in confusione e mischia gli stili. Portale anche molti soldi se no finisce che esce di casa nuda pur di non indossare abbigliamento da supermercato.

A Genio regala nuovi argomenti di conversazione, diversi da quelli sulla pensione, sul sesso e sulle donne. Alla Gabry regala tanta pazienza che ce ne vuole a sopportare Genio.

I piloti di Zogno quest'anno rinunciano ai regali. Anzi, saranno loro a regalarti, caro Babbo Natale, Ermanno "Ninjia", a patto che a tua volta lo regali a qualche club molto lontano. E se sarai tanto bravo da trovarne uno in un altro continente (in Europa il Ninjia non se lo prende nessuno!), ti regaleranno pure Roby “Castegna”, ma non lasciare che porti con sè la bicicletta, se no quello è capace di tornare indietro pure dall’Africa

A Diego detto Bettel, porta del gran fiato e speriamo che non lo sprechi a raccontare le solite cazzate, ma lo usi per far bella figura alla prossima maratona di New York. Quest’anno non era manco nei primi diecimila.

Ivo è il solito caso disperato e ci vorrebbe un miracolo. Eventualmente fatti aiutare da qualcuno più in alto. In caso contrario, portagli un pupazzo raffigurante Berlusconi. Almeno a casa si sfoga prendendo a pugni il pupazzo, gli torna la voglia di volare e, quando Ivo vola, a noi sembra di stare in Paradiso, non come quota, ma perché non lo dobbiamo sopportare. Peccato che in volo ci sta poco ….

Per Lorenzo ci vuole un set di maniche a vento nuove di pacca. Infatti quelle che fa cucire ad Ornella funzionano maluccio: è un anno che indicano solo vento da nord e noi non possiamo volare. Qualcuno mormora che sia lei a fare fattura alle maniche (nel senso di malocchio, non di documento fiscale, anche se fra le due cose non sapremmo quale è la peggiore!) per impedire a Lorenzo di volare e tenerselo in casa. Ma Ornella non è mica una strega! ... o no?

Beppe, il nostro segretario, è oberato di lavoro: perfino mezz’ora a settimana! Pertanto gli serve un aiuto segretaria, assolutamente donna. Non importa che non sappia fare una mazza come quasi tutte le segretarie, basta sia avvenente e soprattutto molto disponibile. Certo che con le offerte-sconto che ci sono in giro di segretarie avvenenti e disponibili non si capisce perché chiederne una in regalo. Infatti il regalo che chiede Beppe, non è la segretaria, ma quello di non far sapere alla moglie che ha la segretaria, almeno fino al Natale 2008. Magari l'anno prossimo ti chiederemo un segretario per lei.

A Giuliana regala la Befana che ha un sacco di denti storti. Sarà un valido esercizio odontoiatrico per lei (lei, la Giuliana, non la Befana). Se non è disponibile quella classica, le donne del club rappresentano una valida alternativa. In ogni caso occhio a non confondere la dottoressa con la paziente.

A Roby serve urgentemente un assaggiatore per i gelati. Infatti, dopo l'esperienza con il gelato al fieno per Mario "Collina", ha le papille gustative azzerate e non distingue più un sapore che sia uno. Propongo per l'incarico Paolo “115”, che non è un numero d’emergenza, ma i chili che pesa. Nel caso che insorgano problemi con la carie, sotto il trapano risanatore di Giuliana avrà modo di pentirsi per aver lasciato il corso a metà.

Il più bel regalo che potresti fare a Davidù è spiegargli che non può pretendere di attivare il nostro addetto stampa solo 15 giorni prima della nostra annuale gara di deltaplani, neppure fosse l’addetto stampa più veloce e sveglio del mondo. Tra l’altro, siccome quell’addetto stampa sono io, dovrebbe cominciare a contattarmi subito se vuole organizzare bene la gara del 2015.

A Giovanni “lupetto” regala un centinaio di mazzi di chiavi ed altrettante figlie. Infatti ne dimentica in giro una coppia tutte le volte che va a volare.

Per gli allievi ed i neo brevettati chiedo un regalo speciale: imparare a volare bene e non trascurare mai la sicurezza. Come puoi immaginare, caro Babbo, in ambedue i casi tu non servi. Basta che non ascoltino i suggerimenti dei vari “trop” pilots del club. Facile, no?

“Bimbo” Gigi fa sogni tremendi: vuole volare, ma non ci riesce. Il decollo sparisce, crescono arbusti spinosi dappertutto, gli rubano la vela, precipita nei burroni … insomma, un vero dramma. Quindi serve l’intervento di un bravo esorcista che, anche se non riuscirà a farlo sognare decentemente, almeno esorcizzerà quella fretta indiavolata che ha in corpo tutte le volte che si va a volare.

Tobia chiede un anno di cassa integrazione. Anzi, facciamo tre. L’importante e che l’azienda resti aperta, ma non riprenda la produzione. Se no gli tocca lavorare anche un paio d’ore al giorno.

Giorgio “Shampoo” vorrebbe rimuovere la manica a vento sulla cresta della Roncola, soprattutto quando indica vento da nord. Infatti quando non c’era, lui non si accorgeva di nulla e decollava tranquillo. Figurati che era convinto di volare – sono parole sue – “in leggero sottovento con rotore di compensazione!”

Beppe “Mungi” mi ha chiesto letteralmente una dozzina di “manze giovani per rifare la stalla”. Non so cosa volesse dire, ma con le mani mimava un paio di cose che stanno davanti, sul petto delle bipedi, non quelle che stanno sotto, sulla pancia delle quadrupedi. Forse bastano dodici scatolette di Simmenthal... sarà un po’ come usare le reliquie invece che il santo vero!

cristina cena 2007
danilo cena 2007
danilo e moglie 07
elena cena 2007
cris cena 2007
francy cena 2007
dracon cena 2007
giamma cena 2007
betty cena 2007
matto cena 2007
ninjia cena 2007
3 zogno cena 2007
3 bergamo cena 2007
giuliana cena 2007
davide cena 2007
diego cena 2007
mungi cena 2007
tavolo 1 cena 2007
spina cena 2007
fabio cena 2007
fabri cena 2007
tavolo 4 cena 2007
tavolo 2 cena 2007
comper cena 2007

Luca “Spina” vuol cambiare lavoro. Portagli una scatola di Lego, il Piccolo Chimico, il Meccano, il Monopoli, e la Scatola del Mago. Niente giochi elettrici perché non vuole più fare l’elettricista. Con i primi, invece, potrebbe chiarirsi le idee e decidere se lavorare in campo edile, chimico, meccanico, finanziario o farsi assumere in qualche circo. L’ultima soluzione è fortemente auspicata

A Valerie servono con urgenza delle cuffie antirumore per isolarsi totalmente quando Luca “Virus” comincia a parlare. Quindi dovranno essere molto leggere visto che le indosserà in media per una ventina di ore al giorno.

Fabrizio chiede un furgone nuovo dopo che ne ha sfasciato uno in autostrada e, peggio, prestato l’altro a Gustavo. Adesso gira in Panda. Ma, se con Marcone andrà ancora in volo fino in Austria, per il recupero, già i deltaplani sulla Panda ci stanno a fatica e di certo non ci sta Marcone.Francesca ed Andrea “Tinlidder” sarebbero gli unici che un regalo, invece che chiederlo, potrebbero farlo a tutto il club. Basta che tornino loro ad organizzare le prossime Roncoliadi, visto che i successori hanno combinato più disastri di quelli che combinavano loro. Basta che non ci voglia più una laurea in astrofisica per capire come funzionano i punteggi e non far scrivere gli indovinelli a Roberta ed Edo. L’ultima volta chi li ha risolti è finito in nosocomio!

A Luca “PS” regala più tempo per volare che come pilota merita davvero. E poi in polizia non fa altro che andare a rompere i maroni a quei poveracci che si guadagnano onestamente la pagnotta facendo i ladri.

Pino è gasato per il liscio e vorrebbe un'orchestra effervescente da tenere in casa per gli allenamenti. Peccato che costi un occhio. Portagli solo una tromba, nel senso di strumento musicale, perché nel senso malizioso che si potrebbe intendere non saprebbe che farsene alla sua età.

Mancano ancora i regali per un’altra cinquantina di soci: Roberto B., Cristina “Pettine”, Elena, Alberto, Enrico di Malta, Lilly, Giovanni “Matto”, Danilo, Rodolfo, Angelo, i vari Simone, Omar, Aldo ed altri ancora. Vedi di arrangiarti con quello che hai. Suggerisci anche di essere più assidui, almeno quando c’è da pagare la quota al club

Ed infine resto io, il vostro web master di fiducia. Non voglio niente, perché a me bastate tutti voi del Volo Libero Bergamo. Anzi, spesso avanzate pure!

Caro Babbo Natale, ho finito. Se pensi che ho esagerato puoi sempre cambiare i regali a tuo piacere. Anzi, ho cambiato idea. Prima che ci arrivi il solito carbone, lascia perdere tutto e quest’anno da Palazzago non passare neppure, perché a noi il club va bene così com’è.
Grazie di tutto ed auguri dal tuo

Gustavo